Se hai qualcosa da dire, dilla

Se hai qualcosa da dire, dilla!

Lo so, sembra facile ma non lo é.
Si ha sempre paura di non essere originali, di cadere nel banale, di risultare scontati.

Il problema non é quello che si dice ma come si dice.

Tutto, nel mondo, é stato già detto! Probabilmente se dici qualcosa di assolutamente originale sei un fottuto genio.

Il segreto sta nel mettere qualcosa di proprio in ciò che si dice, avere un proprio punto di vista.

A tal proposito porto come esempio un progetto contro la violenza sulle donne, realizzato da me e altri tre amici (Andrea Massaro, Pietro Iacono e Giulia Genco) un anno fa.

Il web é pieno di immagini (in bianco e nero) di donne col trucco sbavato che mostrano una mano con su scritto STOP, ma non per questo non abbiano realizzato il progetto.

Abbiamo deciso di raccontare una donna che vuole strapparsi di dosso anni di violenze e soprusi e l’abbiamo fatto utilizzando il latex rosso (il rosso é il colore simbolo della lotta contro la violenza sulle donne) e fotografando nella splendida location della Scala dei Turchi (patrimonio dell’UNESCO).

Sinceramente la prima scelta era Gibellina, proprio per la sua storia, ma non abbiamo avuto le autorizzazioni necessarie.

Ecco le fotografie che ho realizzato.

tumblr_n07wgbPgEo1trcjw2o1_1280 tumblr_n07wgbPgEo1trcjw2o5_1280tumblr_n07wgbPgEo1trcjw2o9_1280 tumblr_n07wgbPgEo1trcjw2o8_1280tumblr_n07wgbPgEo1trcjw2o3_1280 tumblr_n07wgbPgEo1trcjw2o2_1280

Alla fine il progetto è stato pubblicato sul Giornale di Sicilia, aggiudicandosi la prima pagina.

1902886_10203439289088865_1040341358_n

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *