Come creare un portfolio

Come creare un portfolio: qualche consiglio (spero) utile

Hai iniziato a fare fotografia da poco ma già stai pensando a come farla diventare il tuo lavoro? Vuoi capire come organizzare tutto il tuo lavoro per poterlo presentare, al meglio, a potenziali clienti, agenzie o semplicemente in una vetrina online?

Quello che ti serve è un portfolio!

Non tutti hanno ben chiaro di cosa si tratti, alcuni pensano che sia solo una collezione dei tuoi lavori migliori, altri pensano invece che sia l’equivalente un un progetto fotografico; sbagliano tutti.

Non è facile capire come creare un portfolio, si tratta di uno strumento in continuo divenire, che segue la tua evoluzione e il tuo stile.

come creare un portfolio

Perché creare un portfolio

Per ogni freelance che si rispetti il portfolio è importantissimo, rappresenta il suo biglietto da visita e lo aiuta ad emergere dalla concorrenza.

Si tratta della miglior arma a disposizione per trovare clienti e per proporre il proprio lavoro.

Immaginate uno scenario in cui un’agenzia importante nota le vostre fotografie su facebook e vi contatta chiedendovi il portfolio (che non avete): Panico!

Che fare? non si può certo rispondere che la gallery di facebook è il nostro portfolio (ci sono anche le foto con le serate tra amici) e non si può neanche dire di averne uno solo cartaceo (cosa giustissima ma controproducente nell’era digitale)

Insomma, avere un portfolio ben fatto è indispensabile, non solo per la presenza online ma anche per apparire più professionali di molti altri.

Approfondimento: 5 consigli per iniziare

La creazione del portfolio

Il percorso che porta alla creazione di un buon portfolio fotografico non è per nulla semplice.

Si tratta di una serie di scelte molto intime e personali che, oltre a mostrare il meglio delle nostre abilità, devono far capire chi siamo e cosa vogliamo trasmettere.

 

Secondo il mio parere, il modo migliore di procedere è quello di trovare un taglio da dare al proprio portfolio.

Trovare un tema da sviluppare, raccontandone tutti i possibili aspetti è sicuramente un ottimo modo per iniziare (soprattutto se non si hanno lavori commissionati da esibire)

le immagini devono far capire chi è la persona che le ha realizzate e cosa sta raccontando.

Anche nel caso di un portfolio commerciale, comunque, è importante creare armonia tra gli scatti.

Le immagini di un portfolio devono parlare da sole, devono saltare agli occhi dello spettatore che deve, solo attraverso le immagini, capire chi è la persona che ha realizzato quegli scatti e cosa sta raccontando.

Come già detto si tratta di un processo lento e faticoso, pieno zeppo di possibili errori

Errori da evitare

Abbiamo detto che il processo che porta alla creazione di un portfolio, oltre a essere lento e faticoso, è anche zeppo di insidie.

Ovviamente non posso elencare degli errori schematici da evitare assolutamente perché ogni portfolio deve essere visto come un caso a parte.

Altro aspetto da considerare è che, poiché ogni portfolio è lo specchio di chi lo crea, quello che per un fotografo può essere un errore, per un altro non lo è.

Per questo tipo di argomentazioni comunque c’è gente molto più esperta e qualificata di me.

Posso darti 2 consigli fondamentali:

  1. CERCA DI ESSERE IL PIU’ COERENTE POSSIBILE:
    Un buon portfolio deve essere coerente sia dal punto di vista stilistico che comunicativo. immagina di leggere un libro scritto per metà con uno stile e per metà in un altro stile.
  2. EVITA PORTFOLI BANALI:
    Abbiamo detto che il modo migliore per costruire un portfolio efficace è quello di “dargli un taglio”.
    Questo taglio, se ben gestito, servirà a dare forza al vostro portfolio e a renderlo più efficace di altri!

In conclusione

Come al solito, non mi piace dare una serie di indicazioni da seguire meccanicamente per raggiungere uno scopo.

Non siamo dentro a un manuale di fai da te.

Preferisco invece darti delle indicazioni su come ragionare per arrivare a uno scopo, affinché tu le possa mettere in pratica, seguendo la tua personalità e il tuo stile.

Ti è piaciuto l’articolo? consiglialo su Google 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *